Leggi:

Cronaca

Indagine sulla morte di un clochard a Palermo, ipotesi omicidio

Lo scorso giugno era finito in coma all'ospedale, dopo essere stato aggredito a sprangate

di Redazione -





S’indaga sulla morte del clochard ghanese di 55 anni, Christian Boateng, il cui cadavere è stato trovato il 28 ottobre scorso in piazza Giachery, a Palermo. Le indagini, condotte dalla polizia, sono coordinate dal sostituto procuratore Andrea Fusco e dall’aggiunto Ennio Petrigni.

Sentiti i volontari

Gli investigatori hanno sentito i volontari che lo assistevano tutti i giorni portandogli coperte e pasti caldi. Le ferite potrebbero essere compatibili con un’aggressione e testimoni avrebbero raccontato che qualcuno importunava il clochard. “Abbiamo sempre chiesto che si faccia luce sulla morte del nostro assistito”, dice Salvatore Raccuglia, psicologo e coordinatore dell’unità di strada della Croce rossa. L’uomo viveva a Palermo da una decina di anni. Voleva tornare in Ghana dalla sua famiglia. Ma lo scorso giugno era finito in coma all’ospedale, dopo essere stato aggredito a sprangate. “Alcuni ragazzi della zona lo prendevano spesso di mira – hanno raccontato alle autorità gli operatori della Croce rossa – Gli lanciavano frutta e verdura o quello che avevano a disposizione. Ma quella volta fu picchiato di brutto”.