Leggi:

Cronaca

Fiamme a Brucazzi a Gela, secondo tentativo di incendio in pochi giorni

I Vigili del Fuoco sono intervenuti nella notte, e stamattina una pattuglia dei Carabinieri del Noe ha esaminato la situazione

di Redazione -




L’impianto di compostaggio di Contrada Brucazzi avrebbe dovuto riprendere l’attività questa mattina dopo un periodo di sequestro giudiziario, ma non sarà possibile a causa di un tentativo di incendio avvenuto la scorsa notte, il secondo nel giro di una decina di giorni. Gestito dall’Ato Ambiente Cl2, l’impianto è stato al centro di polemiche tra Ato ed Srr sulla sua messa in liquidazione. Recentemente, è stato bersaglio di ladri di rame che hanno danneggiato i cavi, compromettendo l’utilizzo dei macchinari.

Tentativi di incendio

Nella notte, ignoti hanno cercato di incendiare i cumuli di sfalci della potatura nel piazzale dell’impianto, ma il tentativo è stato frustrato dall’intervento dei vigilantes della Polizia dell’Etna. Questo episodio segue un incendio più grave avvenuto qualche giorno prima che ha danneggiato il trituratore principale dell’impianto, mettendolo completamente fuori uso. Senza questo componente, cruciale per la triturazione e la miscelazione di organico e sfalci, sarà difficile far funzionare l’impianto a pieno regime in breve tempo.

I Vigili del Fuoco sono intervenuti nella notte, e stamattina una pattuglia dei Carabinieri del Noe ha esaminato la situazione. Il senatore Pietro Lorefice, membro della Commissione Parlamentare Ecomafie, è presente sul luogo per indagare sulla situazione del ciclo integrato dei rifiuti nel territorio. Lorefice ha anche visitato gli impianti e le vasche a Timpazzo durante la mattinata.