Leggi:

Attualità

Tagliati i fondi, 300mila euro, per le parrucche delle pazienti oncologiche

L'assessore all'Economia, Marco Falcone, si è dichiarato disposto a ripristinare il contributo tramite un emendamento governativo

di Redazione -




La recente settimana di votazioni in commissione Bilancio all’Assemblea regionale siciliana ha portato alla luce tagli significativi, tra cui spicca la cancellazione di un contributo di 300mila euro destinato all’acquisto di parrucche per le donne affette da cancro e sottoposte a chemioterapia. Questa voce di spesa, seppur modesta in termini di cifre, rappresentava un segnale di sostegno ai più fragili da parte della politica regionale. Nei due anni precedenti, su proposta dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, la Regione aveva stanziato circa 300mila euro per finanziare l’acquisto di parrucche per le pazienti con redditi bassi, riconoscendo l’importanza di questo supporto durante il difficile percorso della chemioterapia.

Voce di spesa di spesa ridotta

Tuttavia, nel nuovo testo della Finanziaria, questa voce di spesa è stata ridotta a zero, colpendo proprio chi avrebbe dovuto essere maggiormente tutelato: le donne malate di cancro. Tale decisione ha suscitato l’indignazione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, che avevano strenuamente sostenuto l’allocazione di tali fondi per le donne in chemioterapia. I legislatori del Movimento 5 Stelle denunciano non solo la cancellazione dei fondi per il 2024, ma anche un ritardo di due anni nell’emanazione del bando per l’assegnazione degli aiuti relativi al 2022, evidenziando la mancanza di attuazione pratica delle iniziative già approvate. L’assessore all’Economia, Marco Falcone, si è dichiarato disposto a ripristinare il contributo tramite un emendamento governativo, ma attualmente, per le pazienti oncologiche, i fondi non sono più disponibili.