Leggi:

Agricoltura

Mercoledì di allerta gialla su tutta la Sicilia. Piogge sparse ovunque

Acquazzoni e temporali previsti sino a mezzanotte. Intanto Coldiretti lancia l'allarme di terreni arsi e agricoltori in ginocchio

di Redazione -





Arriva la pioggia. Almeno secondo le previsioni meteo. La Sicilia, dunque, scopre l’inverno. A dire il vero, da qualche giorno, le temperature –tra il pomeriggio e la sera– sono già un po’ calate ma di inverno con la ‘I’ maiuscola, se n’era visto pochino. Invece in queste ore, la Protezione civile regionale ha diffuso un avviso per il rischio meteo-idrogeologico ed idraulico, valido fino alle 24 di domani, mercoledì 22 novembre, su tutta la Sicilia. “Prevista allerta gialla con precipitazioni da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su tutte le zone, con quantitativi cumulati da deboli a moderati, specie sui settori centro-orientali”, l’avviso che arriva dalla Protezione Civile. Il che, fa tirare un sospiro di sollievo al mondo agricolo siciliano che, da più di 6 mesi (a parte qualche rarissima eccezione) non vede un filo d’acqua cadere dal cielo.

Campi arsi e senza erba e i costi di produzione per sfamare gli animali fuori controllo. Coldiretti Sicilia aveva lanciato l’allarme, parlando di sulla situazione tragica a causa della mancanza di pioggia, soprattutto nelle aree interne. Finite le poche scorte di fieno prodotto poco a causa degli acquazzoni di maggio e speculazione con cifre esorbitanti: una rotoballa di mt 1.20 che costa anche 60 euro contro i 35 euro dell’anno scorso mentre il prezzo di quella piu’ grande arriva a 130 euro.

E’ crollato il prezzo di latte e carne

Crollato il prezzo di latte e carne e comparto in ginocchio. La mancanza di pioggia ha pure provocato problemi per la semina. Perché con il terreno duro ed e’ difficile far entrare le macchine e il seme non germoglia. Da Coldiretti, la richiesta al Governo regionale di intervenire, altrimenti si rischia la paralisi e ridare una boccata d’ossigeno a chi paga gli effetti dei mutamenti del clima