Leggi:

Sport

Il Palermo perde e si aggrappa al mercato, vittorie per Messina e Catania

di Redazione -





In Serie B si piange, in Serie C si ride ma non troppo, stati d’animo diametralmente opposti tra le due Sicilie del calcio professionistico: sconfitta per il Palermo nella prima del 2024, vittorie per Catania e Messina in Serie C. Partiamo dai rosanero che perdendo 2 a 0 in casa del Cittadella hanno perso una grandissima occasione per rientrare nelle zone altissime della classifica e, questo punto, si aggrappano al mercato per cercare di risollevare la stagione e l’umore della tifoseria. Proprio oggi dovrebbe arrivare a Palermo Filippo Ranocchia, centrocampista di proprietà della Juventus ma in forza all’Empoli. Per Amian dello Spezia c’è da battere la concorrenza, importante, del Bologna.

Per il terzino destro si pensa, ma senza grande convinzione, a Venuti (Lecce) e Barbieri (Pisa). Sfumato invece Verde che si è accasato al Cagliari. In partenza Soleri: per lui possibilità a Modena o a Pisa. Dalla Serie B alla Serie C dove merita la copertina il Messina di Giacomo Modica capace, dopo la brutta sconfitta casalinga con il Cerignola, di andare a vincere in casa di una delle migliori formazioni del campionato: la Casertana. La doppietta di Emmausso porta i tre punti sullo stretto in una gara in cui i giallorossi avrebbero potuto segnare molti più gol. Se sono rose fioriranno, ma certamente questa vittoria è un buon viatico per la corsa salvezza. Tre punti che rincuorano i tifosi che, invece, dal mercato non hanno ancora ricevuto buone notizie. A Messina si dice: qualcuno arriverà, ma è non ancora chiaro chi. Sorrisi anche in casa Catania dopo il roboante 4 a 0 casalingo sul Brindisi.

L’innesto dei nuovi ha portato quello che Lucarelli sperava: una scossa. Di mezzo c’è anche la minaccia di ritiro punitivo in caso di mancata vittoria. Peralta ha dimostrato subito di poter prendere per mano la squadra e il ritorno al gol di Di Carmine è tra le notizie migliori. Ma nessuno in casa rossazzurra vuole farsi ingannare dai 4 gol, perché il Catania li aveva fatti anche a Benevento, salvo poi perdere a Crotone. Si naviga a vista con il pensiero alla semifinale di Coppa Italia contro il Rimini. Dal mercato dovrebbe arrivare ancora qualcosa, almeno altri tre innesti, se non quattro. Tra questi dovrebbe esserci l’attaccante di peso (per il nome e il curriculum e non per il fisico ) che dovrebbe alternarsi con Di Carmine, nonostante Costantino (in gol su rigore) stia comunque dando delle garanzie importanti.