Leggi:

Cronaca

Duplice omicidio a Naro, il 24enne fermato fornisce un falso alibi

La vicenda suggerisce un tentativo di depistaggio da parte dell'indagato nel cercare di manipolare l'alibi attraverso la complicità della fidanzata

di Redazione -





Omar Edgar Nedelkov, il 24enne romeno fermato con l’accusa di duplice omicidio di Delia Zarniscu e Maria Rus, avrebbe cercato inizialmente di fornire un falso alibi ai carabinieri e ai pm della Procura di Agrigento. Nel corso degli interrogatori, Nedelkov avrebbe dichiarato di essere stato “al bar con la fidanzata” nelle notti del giovedì e del venerdì, periodi in cui le due donne sono state uccise nelle loro case nel centro storico di Naro.

Tuttavia, la fidanzata di Nedelkov, sentita in caserma, avrebbe smentito la sua versione, rivelando che lui le avrebbe chiesto di confermare il suo falso alibi. Questo elemento è stato incluso nel provvedimento di fermo emesso dai carabinieri del comando provinciale di Agrigento, che stanno conducendo le indagini con il coordinamento del procuratore aggiunto Salvatore Vella e del pm Elettra Consoli.

Il gip Iacopo Mazzullo sarà chiamato a valutare questo indizio insieme agli altri durante la richiesta di convalida del fermo e sulla decisione della custodia cautelare per Nedelkov. La vicenda suggerisce un tentativo di depistaggio da parte dell’indagato nel cercare di manipolare l’alibi attraverso la complicità della fidanzata.